You are currently browsing the category archive for the ‘città ecologica’ category.

Pubblicato all’indirizzo www.pierpaolomaggiora.com il sito dell’architetto torinese autore di numerosi progetti urbanistici innovativi, come “Ecocity Caofeidian”.
Home page del sito web di Pier Paolo Maggiora. Nella foto la "Montagna dell'energia", alta circa un chilometro, simbolo della città avveniristica di Caofeidian.

Home page del sito web di Pier Paolo Maggiora. Nella foto la Montagna dell'energia. Alta circa un chilometro, rappresenta il simbolo della nuova città di Caofeidian.

 Da oggi potete visitare il nuovo sito di Pier Paolo Maggiora, l’architetto torinese autore di importanti progetti innovativi, all’indirizzo www.pierpaolomaggiora.com.

Troverete, oltre ad informazioni sullo stesso Pier Paolo Maggiora e sulla sua società ArchA, anche sei sezioni dedicate ciascuna ad un importante progetto, con informazioni, foto e filmati.  

I progetti che potrete approfondire sono:

  1. Caofeidian; la prima città del terzo millennio di Tangshan, Cina.
  2. Laguna Verde: la cittadella del futuro di Settimo Torinese, Torino. 
  3. CityLife: quartiere milanese che propone un nuovo modello di sviluppo per tutta l’area dell’antica fiera milanese.
  4. 100 città: elaborato  nel contesto della cooperazione governativa tra  Italia Cina  e del programma di sviluppo urbano in atto in quel paese.
  5. Torino 2006:  con la progettazione del comparto Centrale per i Giochi Olimpici di Torino 2006 (con Arata Isozaki).
  6. Turin Health Park: il parco della salute di Torino.

Tra i filmati disponibili, la visione tridimensionale del progetto Ecocity Caofeidian, la prima città del terzo millennio, trasmesso il 26 agosto 2008 su RAI UNO, nella trasmissione “Ad Oriente”, di Francesco Stochino Weiss, insieme al concerto di Giovanni Allevi a Pechino.

Per ulteriori informazioni e filmati, visitate il sito www.pierpaolomaggiora.com.

 

Annunci
Rassegna Stampa italiana

Articolo pubblicato dal Corriere della Sera del 9 agosto 2008.

di Andrea Laffranchi

L’ intervista: il giovane pianista in tour con la sua Orchestra. Guiderà l’ Ensemble di Stato cinese nella Città Proibita. “I miei modelli sono Muti e Toscanini: li guardo su Internet


Dal pianoforte alla direzione d’ orchestra. Il passo, secondo Giovanni Allevi, è lungo: “Nei concerti di piano solo si crea un particolare feeling di intimità con il pubblico, mentre quando entra in gioco un’ orchestra c’ è un’ esplosione estroversa di suoni“.

Il fenomeno Allevi – musica classica contemporanea, atteggiamento, numeri e pubblico da rockstar – non si ferma: quattro album contemporaneamente in classifica (battuto un record di Battisti) e due tour, solista e con orchestra, che lo tengono impegnato tutta l’ estate in Italia. Con una puntata in Cina.

Il 22 agosto (in tv il 26 su Raiuno) l’ Harry Potter della musica dirigerà la China Philharmonic Orchestra, l’ ensemble di Stato, all’ Auditorium della Città proibita di Pechino.

L’ occasione è l’ avvio dei lavori di costruzione della città ecologica di Tangshan-Caofeidian, 200 chilometri a sud della capitale, progettata dall’ architetto piemontese Pier Paolo Maggiora.

Così come l’ ecocity è una città del futuro pensata sul modello di Venezia, esempio di bellezza del passato” – dice -, “immagino che il futuro della musica possa partire dalla bellezza e dal talento italiani“.

La Cina non è una novità per Allevi: “Dal 2004 ci torno ogni anno e la mia attività live è quasi nata lì. Il mio primo concerto importante è stato a Hong Kong e il primo sold out all’ Oriental Art Center di Shanghai. Però sarà la mia prima volta a Pechino“.

È periodo di Olimpiadi, a quale disciplina paragonerebbe il suo spettacolo?

A una partita di calcio. L’ orchestra è la squadra fatta da grandi campioni e io sono il commissario tecnico. Speriamo di fare gol… Scherzi a parte, fortunatamente nella musica non c’ è chi vince e chi perde, ma solo tanta voglia di condividere emozioni ed esperienze“.

Musicista, ma anche laureato in filosofia, come si rapporta con la cultura orientale?

Mi attira in modo prepotente anche se per me è ancora un territorio poco conosciuto. Ma vedo che loro dimostrano grande apertura verso di noi: l’ intensità della melodia italiana viene recepita in modo estremo“.

La Cina è al centro del dibattito internazionale per il mancato rispetto dei diritti umani:

Sono preoccupato per i contenuti emersi“, confessa Giovanni.

La sua musica, senza parole, non è considerata «pericolosa» dalle autorità, ma ha comunque ricevuto raccomandazioni o censure preventive?

“Nessuna. Ma io vado a Pechino per affermare con risolutezza la convinzione che l’ arte può guarire il mondo e portare luce dove c’ è ombra”.

La Cina copia tutto e se lo avessero invitato per clonarlo?

Giovanni Allevi è unico e inimitabile“, ride. Quindi confessa di essere stato lui a copiare altri. Per prepararsi al tour con I virtuosi italiani (chiude il 2 settembre a Bresso) rivela di aver spiato le grandi bacchette cercandone i video su Youtube, il più grande archivio video su internet.

Ho rubato qualcosa a tutti i grandi e alla fine ho capito di aver creato un mio stile originale“.

Fuori i nomi…

Ho copiato la posizione eretta che conferisce autorevolezza da Riccardo Muti, il modo deciso di portare il tempo di Arturo Toscanini, la passione e il trasporto da Daniel Oren e la capacità di dirigere gli orchestrali anche con uno sguardo di Leonard Bernstein”.

Nei concerti da solista, Giovanni parla sempre con il piano. All’ inizio dello show gli chiede sempre di comportarsi bene. Fa lo stesso con la bacchetta?

“No. Quella rischio sempre di lasciarla in giro. Forse è emblematico del mio scarso amore per gli oggetti di potere. Ho però scoperto di avere un lato autorevole”.

Fa il duro?

Sono molto severo con me stesso e più indulgente verso gli errori degli altri. Non mi preoccupa una nota sbagliata, ma la mancanza di un’ intenzione travolgente. È inutile fare il cattivo. Preferisco essere maieutico e cercare di mettere i professori d’ orchestra nelle migliori condizioni”.

Forse per questo a fine concerto tutti i maestri alzano i loro strumenti, manco fossero Jimi Hendrix con la chitarra.

“È un gesto simbolico che hanno voluto fare” – dice Allevi – “quasi a voler dire ‘io clarinetto, io oboe, io violino, esisto!’. Credo che portare un pubblico di giovani davanti a un’ orchestra sinfonica oggi sia rivoluzionario, penso sia un modo per rimettere gli strumenti classici in contatto con la società”.

Scrittore *** Musicista, compositore, direttore. E anche scrittore: Giovanni Allevi (39 anni) ha pubblicato a marzo La musica in testa (Rizzoli). Ha già raggiunto la nona edizione.

Rassegna stampa italiana: Articolo apparso sul settimanale “Panorama“, n. 33 del 14 agosto 2008. di Manuela Grassi

Sarà cinese la Venezia del futuro

Un'immagine dello skyline di Caofeidian. In fondo svetta la Montagna dell'Energia (anche nel riquadro piccolo a sinistra)


Progetti faraonici. Sull’acqua, con criteri ecologici e avveniristici, Caofeidan sarà la città più moderna del mondo realizzata da un italiano, avrà un grattacielo alto 999 metri che si innalzerà tra terra e mare nella baia di Bohai a nord della Cina.

In alto il suggestivo ponte a forma di drago dove scorrerà una parte importante del traffico della città. In basso un particolare del progetto che mostra la convivenza tra grattacieli di 350 metri e campi coltivati.

Il colosso sfrutterà condizioni naturali temibili come il terreno sismico e i venti della Manciuria per produrra energia pulita e sarà il simbolo di una città che sorgerà nei prossimi anni e che, nelle intenzioni del governo cinese, sarà la prima città ecologica del Terzo millennio: Caofeidan, un investimento di 400 miliardi di euro.

Cartina del luogo. Sorgerà vicino a Pechino e darà la misura spettacolare delle ambizioni della Cina.

Cartina del luogo. Sorgerà vicino a Pechino e darà la misura spettacolare delle ambizioni della Cina.


Leggi il seguito di questo post »

Rassegna stampa italiana: il velino del 7 agosto 2008.

Roma, 7 ago (Velino) – È ormai pronto per essere siglato il memorandum d’intesa tra Italia e Cina per la realizzazione di una città eco-sostenibile nell’area di Tangshan-Caofeidian.

Il progetto, che riguarda un’area di oltre 300 chilometri quadrati, nasce dall’esigenza di Pechino di coniugare crescita economica, vivibilità ed eco-sostenibilità con la diminuzione dei livelli di inquinamento che lo sviluppo del paese sta minacciando sempre di più.

Leggi il seguito di questo post »

Rassegna stampa nazionale

Apparsa su “Notiziario Farnesina” (gestito dall’agenzia “Il Sole 24 Ore Radiocor”) del 28/07/2008 (fonte, ambasciata d’Italia a Pechino).

PECHINO – (Il Sole 24 Ore Radiocor) – 28 lug – Lo studio di architettura italiano ArchA diretto da Pier Paolo Maggiora ha vinto la gara relativa allo sviluppo urbanistico architettonico della Citta’ di Tangshan-Caofeidian.

Il progetto si riferisce alla urbanizzazione complessiva di un’area di 370 Km2, nel cui ambito sorgera’ il polo industriale e la citta’ eco-sostenibile di Tangshan-Caofeidian.

Pier Paolo maggiora insieme a Zaha Hadid, Arata Isozaki e Daniel Libeskind ha realizzato anche il progetto City Life nell’area dell’ex Fiera di Milano. http://www.ambpechino.esteri.it

  • 35.369 accessi dal 15/7/08

Articoli per data

Pagine più lette


Progetto Archinternational.net per informazioni scrivete a: info@archainternational.net
Annunci