Maurizio Vitta è docente di Storia e cultura del progetto nella Facoltà del Design del Politecnico di Milano.

Maurizio Vitta è docente di Storia e cultura del progetto nella Facoltà del Design del Politecnico di Milano.

Maurizio Vitta è docente di Storia e cultura del progetto nella Facoltà del Design del Politecnico di Milano.

Laureato in filosofia, conduce da anni un’indagine sistematica sull’estetica dell’esperienza quotidiana. È stato docente di Storia delle Arti applicate e del Design nel corso di Progettazione Artistica per l’Impresa presso l’Accademia di Brera, dove ha anche tenuto per due anni un corso di Estetica del Paesaggio nel Master di Landscape Design.

Ha insegnato Teoria della Comunicazione visiva all’ISIA di Urbino e Storia dell’Arte e della Comunicazione visiva presso la NABA di Milano. Ha curato mostre d’arte contemporanea, di disegno industriale e di visual design, ed è autore di numerosi articoli, saggi e libri sull’arte, la letteratura, l’architettura e il design contemporanei.

Collabora con il supplemento domenicale de “IlSole24ore”, ed è vicedirettore de “l’Arca”, mensile di architettura, design e comunicazione visiva.

E’ autore del libretto dell’opera da camera Camera obscura, di Marco Di Bari, rappresentata nell’Arsenale di Venezia nell’ambito della Biennale Musica del 2001.

È autore di numerose pubblicazioni sulla letteratura e l’arte contemporanee, sull’architettura e sul design, fra le quali Il disegno delle cose (Liguori, Napoli 1996), Il sistema delle immagini (Liguori, Napoli 1999), Il progetto della bellezza (Einaudi, Torino 2001), Storia del design grafico (con D. Baroni, Longanesi, Milano 2003), Il paesaggio (Einaudi, Torino 2005), Dell’abitare. Corpi spazi oggetti immagini (Einaudi, Torino 2008) e molte altre.