Un intervento nel corso di una iniziativa tenuto alla terza biennale di architettura a Pechino (foto pubblicata su Flickr (clicca sulla foto per l'originale). 

Un'immagine della terza Biennale di Architettura a Pechino (Flickr)

Si è aperta lo scorso 22 ottobre 2008 la terza edizione della Biennale di architettura di Pechino, che continuerà fino a Giovedì 6 novembre.  L’importante manifestazione si tiene nel nuovo “Beijing Design Park 751“, una ex zona industriale dismessa e riqualificata come zona espositiva.

Il tema dell’evento di quest’anno riguarda la realizzazione di “Ecocity”  (Ecological City Building), e vede un’importante partecipazione italiana, coordinata dalla nostra Camera di Commercio, in collaborazione con l’Istituto del Commercio Estero (ICE) e con l’Ambasciata d’Italia.

Nella mostra viene dato grande rilievo al “progetto Ecocity Caofeidian”, di Pier Paolo Maggiora, oggetto di vari dibattiti e presentazioni.  

Dell’Ecocity Caofeideian si è anche parlato nel corso di un seminario, che si è svolto nei primi giorni della biennale, che ha visto la partecipazione, tra gli altri, dell’ambasciatore Italiano a Pechino Riccardo Sessa, degli architetti Enzo Eusebi e Dante Benini.  

Le nostre citta’ riescono a coniugare, valorizzando entrambi, le grandi opere del passato con le innovazioni tecnologiche e la vivibilita”, ha detto l’ambasciatore Riccardo Sessa, ed è per questo che l’Italia può dare un importante contributo alla Cina, nel suo obiettivo di contrastare l’urbanizzazione frenetica e selvaggia che ne ha caratterizzato il recente passato. 

Dello stesso tema si è anche discusso in un’altro convegno, rivolto principalmente ad un publico di studenti Cinesi, a cui ha partecipato il presidente dell’Istituto del Commercio Estero, ambasciatore Umberto Vattani ed il segretario della biennale, Luo Li. 

Quello che dobbiamo chiederci adesso è come debbano essere le citta’ del terzo millennio”, ha detto Vattani, che ha sottolineato l’importanza del progetto dell’architetto italiano Pier Paolo Maggiora, che ha vinto la gara di idee indetta per la nuova Citta’ Ecologica di Caofeidian/Tangshan.  Grazie alle immagini esposte nella biennale che “mostrano una citta’ dalle forme nuove, ecologicamente sostenibile, dominata da una ‘torre dell’energia’ e proiettata verso il futuro“.

Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito Internet della biennale di Architettura di Pechino (in lingua Inglese e Cinese).