Rassegna Stampa Italiana


Progetto sull’esempio della Rar di Parigi, treni ogni dieci minuti e fermate ogni due chilometri.
Così si eviterebbe l’invasione del traffico merci sull’asse ferroviario cittadino.


La Nuova Periferia, giovedì 10 luglio 2008

di Carlo Fontana.


La notizia che da domenica rimbalza dalle TV ai giornali è l’accordo per la realizzazione della ferrovia ad alta velocità tra Torino e Lione raggiunto all’interno dell’osservatorio sulla Torino-Lione, presieduto dall’Architetto Mario Virano.
L’importanza di questa notizia non si ferma a Torino, perchè l’accordo non riguarda solo la tratta internazionale, ma anche quella italiana, da Susa a Chivasso passando per il nodo di Torino. Per questo nel convegno sul trasporto ferroviario svoltosi a Settimo il 5 giugno scorso, il sindaco Aldo Corgiat aveva invitato tra i relatori l’architetto Virano, gli assessori ai trasporti della Regione, Daniele Borioli, e della Provincia Franco Campia, il presidente dell’agenzia per la mobilità metropolitana ed il Comitato per il nodo ferroviario di Chivasso.
Settimo è investita in pieno da questa grande opera e gli obiettivi dell’amministrazione comunale sono due: evitare che il traffico merci dalla Francia inondi l’asse ferroviario cittadino e sfruttare la ferrovia per assicurare a Settimo un servizio metropolitano verso Torino degno di questo nome. L’abitato di Settimo si estende per circa sette chilometri sull’asse della ferrovia, che può diventare una specie di metropolitana come la Rer intorno a Parigi, con treni ogni dieci minuti e fermate ogni due chilometri.


Questo è vitale nell’ottica dello sviluppo dell’area della Laguna Verde verso Torino e dell’area Pirelli sulla ferrovia per Volpiano, ma anche nella prospettiva di una mobilità sostenibile e veloce. Nel convegno si era registrata la convergenza tra gli interessi settimesi e gli obiettivi della proposta del Comitato per il nodo ferroviario di Chivasso che prevede un raccordo a Est di Chivasso dalla linea storica all’alta Capacità e all’incrocio fra le due linee una stazione di interscambio a due livelli: uno sull’alta capacità per i treni interregionali per Santhia-Milano che viaggerebbero in parte sull’Alta Capacità e in parte sulla linea storica tra Santhià e Novara, l’altro sulla linea storica, dedicata esclusivamente ai treni metropolitani per Settimo-Torinese.
Così sarebbe possibile che le linee da Orbassano, Avigliana e Carmagnola che il piano attuale del servizio metropolitano ferma alla stazione di Torino Stura, proseguano verso Settimo e Chivasso, garantendo un servizio metropolitano non solo su Torino, ma anche da e per le zone Sud e Ovest dell’area metropolitana.
Settimo sarebbe così al centro di un efficiente servizio di trasporto ferroviario, che va a integrare e sviluppare l’attuale linea suburbana Chieri-Torino-Settimo-Rivarolo, con evidenti vantaggi non solo sul piano trasportistico ma anche come occasione di localizzazioni imprenditoriali ed istituzionali di medio e alto profilo, grazie al facile accesso da tutta l’area metropolitana. Ma anche la possibilità di un rapido e frequente collegamento da una parte con la stazione di Torino Porta Susa e dall’altra con la prospettata stazione porta di Chivasso verso Milano, Canavese e monferratto metterebbero Settimo in una posizione strategica.
Questi collegamenti ferroviari non porterebbero danni ambientali, perchè i treni merci viaggerebbero sull’alta capacità fino a Chivasso e l’amministrazione comunale sostiene il progetto di interramento della ferrovia che attraversa la città: in questo modo il risultato sarebbe quello di una metropolitana, utile anche per muoversi all’interno della città. Perchè questi obiettivi diventino realtà è fondamentale la sinergia tra le varie istituzioni e i comuni di Settimo e Chivasso, anche per dare valore tecnico e politico al quadro progettuale da Settimo al nodo ferroviario di Chivasso.