Rassegna stampa italiana
NASCE UNA CITY MADE IN ITALY
di Lorenzo Francesconi

Pier Paolo Maggiora, progettista di Laguna Verde

Pier Paolo Maggiora, progettista dell'ecocity di Caofeidian in Cina e di Laguna Verde a Settimo Torinese, è nato a Saluzzo.

È originario di Saluzzo l’architetto che ha realizzato il progetto di quella che è stata definita la nuova Pechino, la metropoli voluta dal governo cinese sull’oceano, una innovativa eco-city, che sarà modello di progresso ecologico.

Pier Paolo Maggiora è anche l’ideatore, insieme al giapponese Arata Isozaki, del palasport olimpico di Torino 2006 e della riqualificazione dello storico quartiere della Fiera di Milano con un progetto che rappresenta il principale intervento in ambito europeo.

Insomma, uno dei più importanti architetti del panorama mondiale, fautore della logica del dialogo, un linguaggio architettonico trasculturale, del legame dell’edificio al territorio.

Come quel legame che lo unisce ancora oggi, all’età di 64 anni, alla natìa Saluzzo, per la quale dimostra uno straordinario attaccamento. “La mia famiglia” – spiega Maggiora – “sfollò a Saluzzo nel 1940, dove mio padre Giovanni assunse la direzione dell’ufficio dell’imposte. Il ritorno a Torino avvenne nel ’49, sei anni dopo la mia nascita, spinti più che altro dalla necessità di mio fratello Beppe di iniziare gli studi universitari“.

La famiglia Maggiora abitava in via Cuneo, dinanzi al Tapparelli, «dove allora – prosegue l’architetto – c’erano poche case, non come oggi che la zona si è arricchita di abitazioni». Nel 1943 la nascita di Pier Paolo, il cui battesimo, ricorda ancora, «avvenne proprio l’8 settembre, una data storica per l’Italia». Il fratello Beppe allievo del locale liceo, con la guida del prof. Levi, e poi il termine della guerra e la decisione della famiglia di prolungare il soggiorno a Saluzzo.

«Io ero piccolo – ricorda Pier Paolo Maggiora – ma ho ancora molti ricordi di quei sei anni, il giardino, il mio cane, le passeggiate nel centro storico e ai Porti Scur. A malincuore lasciammo Saluzzo alla fine degli anni quaranta».

Gli studi a Torino, la laurea in architettura nel 1970 al Politecnico e il desiderio di girare il mondo, «prima innamorato della fotografia e poi per lavoro», con la creazione nel capoluogo piemontese dello studio “ArchA” divenuto un punto d’incontro per una nuova progettualità legata al territorio.

Maggiora vince concorsi importanti, come quello per la torre di Minsk in Bielorussia, alta 420 metri, divenuta simbolo del Paese e destinata alla telecomunicazioni, e partecipa a congressi internazionali come varie biennali tra cui quella di Pechino nel 2004, da cui nasce la collaborazione con l’Oriente che lo porterà alla recente realizzazione del progetto di Caofeidian, la città cinese del futuro.

Tanto girare per il mondo senza però dimenticare le origini: «Quando mi chiedono da dove arrivo, rispondo sempre con orgoglio da Saluzzo, e poi racconto il passato del Marchesato, la sua indipendenza, che batteva moneta a dimostrazione della sua importanza. Sono rimasto molto legato alla mia città di origine, la più bella del Piemonte, dove recentemente ho anche festeggiato i miei 60 anni».